Punta Sdobba

un villaggio d’altri tempi

Punta Sdobba è un villaggio di pescatori che si trova a Grado, all’interno della Riserva Naturale della Foce dell’Isonzo. Un luogo rimasto nel passato, nato con le bonifiche fatte ai tempi di Mussolini. Scoprilo assieme a noi!

Punta Sdobba

Un luogo rimasto nel passato, nato con le bonifiche fatte ai tempi di Mussolini.

Il villaggio di Punta Sdobba è un piccolo villaggio di pescatori immerso nella laguna e rimasto immutato nel tempo.

Qui vivono appena 15 persone, in un ambiente spartano, semplice, fatto di piccole cose. Niente riscaldamento, usano tutti la stufa a legna. E per vivere, fanno i pescatori.

Il fascino che sprigiona questo posto è incredibile: dietro a ogni porta e ogni finestra si nasconde una storia che per noi è difficile immaginare. Uno stile di vita lontano dal nostro, con altri ritmi, altre abitudini. Eppure nel caldo dell’estate si respira un’aria di pace: solo il rumore degli uccellini e degli animali che popolano la laguna.

Sarebbe meglio visitare questo luogo in primavera o autunno, durante l’estate si muore di caldo. Ma noi non ci andavamo da molto, e quindi abbiamo colto l’occasione nonostante il caldo.

Dopo la camminata, il luogo ideale per una pausa ristoratrice è il poco distante albergo ristorante Caneo.

Punta Sdobba
Punta Sdobba
Punta Sdobba

Leggi il nostro articolo su Grado

Il Villaggio Punta Sdobba si trova all’interno della Riserva Naturale della Foce dell’Isonzo, nella laguna di Grado.

Riconosciuta come migliore area d’Italia per il birdwatching, è abitata da numerose specie di uccelli acquatici, che è possibile osservare percorrendo itinerari dotati di osservatori.

Il suo cuore, l’isola della Cona, è famosa tra le altre cose per la presenza dei cavalli Camargue, che contribuiscono a controllare lo sviluppo delle praterie.

Punta Sdobba si trova all’interno dell’area del Caneo, dove si trova anche una struttura ricettiva (Albergo Caneo), una torretta per l’osservazione  degli isolotti alla foce e una pista ciclabile che porta a Grado passando per la Riserva naturale regionale Valle Cavanata.

Nelle vicinanze del villaggio dei pescatori è possibile percorrere vari itinerari ciclabili, che portano verso l’Isola della Cona o la Riserva Naturale della Valle Cavanata.

Punta Sdobba
Punta Sdobba
Punta Sdobba

Ricetta:
Boreto gradese rivisitato

 

In questa ricetta voglio raccontare la semplicità, perché è nel pensiero di molti l’idea che il pesce sia un alimento difficile da preparare e costoso, ma se impariamo ad utilizzare il nostro pescato locale possiamo davvero creare dei piatti speciali e versatili.

Per questa ricetta mi sono ispirata al Boreto gradese, una zuppetta di pesce semplicissima preparata con quello che il mare nella notte aveva offerto.
Preparata tradizionalmente con pesce azzurro, nella mia versione ho aggiunto anche dei moscardini e delle vongole, tutto rigorosamente dell’Adriatico.

Potrebbe interessarti anche…

Sentiero della Salvia Trieste

Sentiero della Salvia Trieste

Sentiero della Salvia Trieste sentiero mozzafiato a picco sul mare Il Sentiero della Salvia, conosciuto anche come Sentiero Tiziana Weiss, è un sentiero semplicissimo che congiunge Aurisina alla frazione Santa Croce di Trieste, sul carso triestino. Scoprilo assieme a...

leggi tutto
Aurisina: i luoghi della pietra carsica

Aurisina: i luoghi della pietra carsica

Aurisina "I luoghi della pietra carsica" con EstploreSara Famiani, guida turistica di Estplore, ci ha accompagnato alla scoperta della storia della pietra di Aurisina mostrandoci quanto si intreccia con la vita dell'omonimo borgo. KAMEN: Arte, Museo, Etnografia,...

leggi tutto
Museo della Bora

Museo della Bora

Museo della Bora testimonianze, oggetti, curiosità, segreti ed esperimenti sulla boraIl Museo della Bora è un "museo in progress", una raccolta di dati, testimonianze, oggetti, curiosità, segreti ed esperimenti sul vento e più nello specifico sulla bora. Scopri la...

leggi tutto

Ultimi articoli

Non perderti nulla!